Porta Venere è una delle sei porte di epoca romana del borgo di Spello, in Umbria. Il programma per la giornata prevede di raggiungere un’amica comune, Luisa, e di pranzare tutti insieme a Bevagna, intorno alle 13.Non poteva andarci meglio, Bevagna era già nella nostra lista delle cose da vedere.Mentre aspettiamo l’ora di partire, con Marco ci dedichiamo all’esplorazione del paese.Iniziamo dal Museo della Città di Bettona che si trova proprio al centro di Piazza Cavour e ha sede in parte all’interno del Palazzetto del Podestà del 1371, in parte dentro Palazzo Biancalana costruito nell’Ottocento. Ci sono un tavolino con 2 sgabelli, una stufa a legna, un letto matrimoniale. Le strate, li palazzi cò' le jese,tutto sunnicchja come appisolatude la tranquillità de lu paese. Assisi è divenuta colonia romana ed è diventata sede di predicatori, come il vescovo Ruffino, martirizzato nel 238. Piazza Filippo Silvestri, Bevagna (Perugia). Immersa nel bosco e collocata sulla cima dell’albero è collegata alla terra da un ponte tibetano. Il clima della città e delle colline circostanti è di tipo continentale. Altitudine: 473 m.s.l.m Il 31 luglio 2007 è stata liberata nei cieli di Montefalco una coppia di gheppi, con finalità di ripopolamento. Il suo borgo fa parte del mosaico composto dal ministero dei Beni culturali e del Turismo per il “2017 Anno dei Borghi”, che coinvolge 18 regioni e 800 borghi d'Italia[7]. Chiese, castelli, rocche, vicoletti medioevali, Assisi è tutto questo ma non solo. di fiori e d'acqua era la sua pintura, azzurro di colline, per gli altari; sicché par che l'istesso ciel rischiari Il territorio della zona comprende vari paesaggi pianeggianti, collinari e montani, per cui in inverno non è difficile che ci sia la neve. Si tratta di una costruzione moderna realizzata tra il 1937 e il 1947 dove si trovava l’antica chiesa agostiniana adiacente al monastero dove visse e morì la santa. Persino gli orti – che di solito danno sempre quell’idea di sciatto con quei brutti contenitori colorati in plastica per l’acqua per annaffiare e le pensiline in lamiera per tenere al riparo gli attrezzi – in questa porzione d’Umbria sembrano progettati dalla mano di un garden designer.Arriviamo a Bevagna e raggiungiamo Luisa per pranzare tutti insieme alle Delizie del Borgo, un carinissimo cottage ricavato all’interno del Parco Comunale, proprio al difuori della porta di accesso alla città, circondato dal fresco degli alberi e riparato dalle mura romane del borgo. Piedipaterno, Vallo di Nera (Perugia). Sta accoccolatuda anni e anni sòpre ‘na cullinade vigne e de lìa verde coloratudo' l'aria è trasparente e ginuina. Essendo una visita serale chiese e musei erano chiusi e abbiamo girovagato per le strade della città che con le luci della sera assume un’aria sognante. Tre giorni che ci hanno insegnato – se ancora non avessimo compreso – che non importa andare lontanissimo, che non è necessario raggiungere mete esotiche che distano 11 ore di volo per vivere la vacanza perfetta. Scoprite nel nostro articolo cosa fare in un weekend in Umbria e dove dormire: Siamo partiti come punto di esplorazione da Sansepolcro, un comune di 16000 abitanti in provincia di Arezzo al confine con Umbria e Marche. Dopo è tempo di carnevale, con sfilate di carri allegorici per adulti e bambini. L’isola pensate conta solo 15 abitanti (Istat, 2017). Noi abbiamo soggiornato in un appartamento a Cungi con camera vista colline straordinaria. L’interno è accogliente e caldo. Montefalco dista da Perugia 49,4 km e da Foligno 12,3 km. Ha una superficie di circa 24 ettari e il perimetro è di circa due km. Abbiamo ritrovato sorrisi ormai perduti negli esercizi pubblici, la voglia di ascoltare il cliente e di scambiare due parole, la disponibilità. L’azienda possiede un parco di 300 ettari ed offre la possibilità di soggiornare nei 5 antichi casali del 1500 dislocati all’interno del territorio ognuno con piscina e vista mozzafiato sulle colline circostanti. Siamo partiti da Viareggio molto presto, abbiamo visitato Assisi e le sue splendide basiliche, siamo scesi fino a Spoleto per ammirare le Fonti del Clitunno, e saliti sul Colfiorito per scoprire il paesino di Rasiglia che non è attraversato da strade e piazze, ma percorso da ponti, torrenti e laghetti.Siamo stanchi ma felici per tutto quello che abbiamo visto e pieni di entusiasmo per tutto quello che ancora ci rimane da vedere. Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Al calare della notte il brivido di essere soli in mezzo al bosco e di dormire sospesi sull’albero è assicurato. La chiesa di Santa Illuminata , della fine del XV secolo, ricostruita sul posto del primitivo reclusorio abitato dalla Beata Giovanna e da Santa Chiara. Publisher - In viaggio alla scoperta dei paesi medievali più belli d’Italia. Ad attenderci a Bettona ci sono Roberta e Silvano, amici da sempre: con Roberta ci conosciamo da oltre 20 anni, siamo così simili che ci chiamiamo scherzosamente tra di noi “sorelle”. Gli interni sono realizzati in legno e pietra e il giardino esterno dove siamo stati noi è incantevole. Via Roma, 11, Castiglione del Lago (Perugia). Assolutamente da vedere è  Piazza 40 Martiri dedicata alle vittime eugubine che nel 44 furono trucidate dai tedeschi. La chiesa di Santa Maria di Roncione si trova in località Castelleone nei pressi di Deruta, in Um... Strada Vicinale Santa Maria di Roncione, 1, Deruta (Perugia), La chiesa di San Domenico è in stile barocco ed è composta da due vaste aule, Via del Forte, 34, Castiglione del Lago (Perugia). Ci siamo addormentati ascoltando il respiro della natura intorno a noi, le fronde dell’albero che con il vento sfioravano il tetto della nostra casa, gli uccelli che si davano voce e il rumore del sottobosco abitato da daini, cinghiali e lupi  . La Rocca fu edificata in età medievale. Interessante l’Aboca Museum, il museo delle erbe medicinali per tramandare la storia millenaria del rapporto che unisce l’uomo alle piante officinali. Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. L'imperatore, visitando i luoghi nel XIII secolo, constatando il gran numero di falchi presenti nell'area, decise di cambiare il nome della località da Coccorone (Cors Coronae) a quello attuale. La neve fa la sua apparizione circa sette volte l'anno in città, e a volte gli accumuli sono anche abbastanza consistenti. Via Torri di Properzio, 43, Spello (Perugia). Prima di addentrarci lungo la ripida Via Consolare che attraversa tutto il paese, ci spostiamo sulla sinistra della porta per ammirare una porzione delle Mura Augustae e parte degli scavi. Vengono controllati con esami del sangue ogni 6 mesi per garantirne la qualità. Menu innovativi senza mai dimenticare le tradizioni umbre. Regione: Umbria In estate ad Assisi è tempo di festival di musica sacra e moderna, con concerti in piazza e al coperto. Dolce come sul poggio il melo e il pesco, L'Agriturismo Valnerina nasce nella piccola frazione di Piedilacosta. La chiesa custodisce la Cappella di Santa Croce a sua volta decorata da un pregevole ciclo di affreschi del Trecento. Scriviamo post e articoli sponsorizzati oltre a partecipare ad eventi e blog tour. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano: Il toponimo Montefalco si deve, secondo la tradizione, a Federico II di Svevia. Paghiamo (meritatissimi) due euro a persona quale contributo per l’illuminazione e ci godiamo gli splendidi affreschi. La cittadina di Assisi ha mantenuto nei secoli l’aspetto incontaminato delle sue leggendarie origini. In poco tempo potrete raggiungere luoghi incantati. Da non perdere è la Natività del Perugino e i incantevoli affreschi del XV secolo di scuola umbra. ebro d'amor per ogni creatura Provincia: Perugia L’appartamento è una tipica casa Toscana in pietra, con soffitti e pavimenti in legno dall’arredo essenziale e semplice che lo rende speciale. Essendo una città turistica non mancano le strutture di accoglienza per visitatori di tutte le età. Un intreccio di stradine che conducono ad antiche case in pietra e sasso, a pievi e chiese medievali come la Chiesa di San Bartolomeo, ma ad anche tante vigne urbane a rimarcare il legame inscindibile che lega la popolazione di questo luogo alla produzione del vino. Brevi tratti separano da borghi antichi dove non mancano manifestazioni ed eventi per famiglie, coppie e gruppi di amici. Beh, non ci sono parole, perché la visita a Spello ci ha lasciato letteralmente senza parole.Vi arriviamo la mattina del nostro terzo e ultimo giorno in Umbria.Parcheggiamo l’auto in un parcheggio a pagamento non lontano dalla splendida Porta Consolare, all’ingresso sud – quello più basso – della città.Questo gioiello senza tempo ci sta aspettando, tutto arroccato su uno sperone del Monte Subasio, pronto a rivelarci i suoi segreti e i suoi tesori.Immediatamente ci rendiamo conto della sua importanza storico-artistica: Spello è la città umbra con più resti romani e la Porta Consolare del I secolo a. C. a tre fornici ornata con altrettante statue ne è solo il preludio. Il risveglio è stato altrettanto bello e ci siamo resi conto di non aver sognato ma di aver vissuto questa esperienza per davvero, aveva esaudito il mio desiderio e l’aveva fatto nella maniera migliore,avevo dormito nella casa sull’albero! Di notevole interesse la chiesa di Santa Chiara dove è sepolta la compagna di San Francesco, la quale ha fondato l’ordine femminile di suore francescane. La famiglia lo possiede da 26 anni ed ha effettuato le ristrutturazioni dei casali in maniera eccezionale conservandone l’atmosfera dei bei  tempi passati. Uno “slow” tour tra splendide pievi medievali e antichi resti romanici, tra un bicchiere di ottimo Sagrantino e qualche prelibatezza la tartufo. Lo si evince dal fatto che viene ritratto nel dipinto “Allegoria ed effetti del Buono e del Cattivo Governo” del 1338 da Ambrogio Lorenzetti oggi conservato nel Palazzo comunale di Siena. Ristrutturata da un famoso architetto con qualche polemica, vista di sera con i lampioni e gli ulivi da sfondo crea a mio parere una bella atmosfera. L'agosto Montefalchese si conclude la notte del 19 agosto dopo la Fuga del Bove, quando in piazza del Comune viene assegnato il Falco d'oro sulla base dei punteggi ottenuti dai Quartieri in tutte le prove, segnando coi festeggiamenti dei vincitori la chiusura ufficiale dell'evento. Il paese è molto gradevole, domina la Valtiberina  ai piedi dell’Appennino toscano, ed è famoso per aver dati i natali a Piero della Francesca. giovenilmente in te le belle mura, Non ci sono recensioni in italiano su Storia e Cultura Basilica di Santa Chiara, Viaggiato con partner in maggio 2014, da Olanda. Trovandosi in posizione privilegiata alla sommità del paese dal sagrato della chiesa […] Località il Piano è un'azienda agricola didattica e agriturismo situata nell'Appennino centrale, ... Località il Piano, 1 - 06040, Vallo di Nera (Perugia). La bellezza del viso della Madonna col Bambino lascia estasiati e cercando tra le scene dipinte, notiamo anche un autoritratto del Pinturicchio, vero e proprio selfie ante litteram. Lu tèmpu pare che ce s'è fermatucome drènto ‘na vecchja cartulinado' gnente da com'era s'è cambiatu:la Piazza, lu Stratòne, chi cammina. Nel capitolo cibo c’è l’imbarazzo della scelta. Ad Assisi si mangia bene e vi sono ristoranti stellati lungo tutto il borgo. Come in ogni viaggio lontano, o (questa volta ) vicino, si ha sempre qualcosa da imparare. Prima di addentrarci nelle bellezze di Montefalco, meritano una visita i muri di cinta del XIII secolo, interrotte da due superbe porte: Porta Federico II del 1244 e la Porta Sant’Agostino con la trecentesca torre merlata. Nacque il 26 settembre 1182 e morì il 3 ottobre 1226, è stato fondatore dell’ordine che da lui poi prese il nome. Il parcheggio in cui lasciamo l’auto è proprio fuori la cinta muraria della cittadina, in basso rispetto alla piazza centrale che vogliamo visitare. Inoltre d’inverno in questo locale è possibile fare degustazioni di cioccolata che viene accompagnata con rum tradizionale e rum Kraken vanigliato. Una bella suggestione. Il tutto ovviamente annaffiato da ottimo vino. La mia voglia di partire nasce sempre da una suggestione che mi colpisce improvvisa mentre ascolto una canzone, guardo un film, leggo un libro: da sola, in coppia o con le amiche, l’importante per me è partire sempre per un nuovo viaggio! Ai bordi della Valle Umbra, adagiato su un colle di 473 metri d’altezza nel cuore dell’Umbria, Montefalco si mostra al visitatore con il suo compatto, ordinata e coinvolgente centro storico trecentesco. Raggiungiamo Montefalco, patria del Sagrantino e paese natale di Santa Chiara – forse l’accostamento è leggermente sacrilego, ma tant’è – in meno di mezz’ora.Il parcheggio in cui lasciamo l’auto è proprio fuori la cinta muraria della cittadina, in basso rispetto alla piazza centrale che vogliamo visitare.Un’altra salita, per giunta nell’ora più calda della giornata e in piena digestione di un pasto non propriamente leggero.Per fortuna a metà del corso principale si trova il Complesso Museale di San Francesco che conserva al suo interno gli affreschi sulle Storie di San Francesco dipinte da Benozzo Gozzoli: alla fine, dobbiamo ammettere che anche questo museo da solo vale tutto il viaggio. Il blog di viaggio di Annalisa e Giuseppe. Le opere d’arte sono numerosissime, quasi tutte in onore di San Francesco, con luoghi di culto meravigliosamente affrescati e decorati. Hotel Aganoor è nel centro storico di Castiglione del Lago, Via V. Emanuele, 91, Castiglione del Lago (Perugia). Altra gita in giornata da Sansepolcro a circa un’ora di auto è sicuramente Assisi, luogo di culto che trasmette pace e serenità. Il mercoledì antecedente si svolge il Palio dei Rioni tra i balestrieri di Porta Fiorentina contro quelli di Porta Romana. [5] Il progetto ha avuto un grandissimo successo e i gheppi si sono riprodotti. Ne approfittiamo per un giro nel borgo storico di Passignano davvero incantevole. Molto bella una testa marmorea di Afrodite di epoca imperiale, ed estremamente suggestivi i resti (proprio sotto la piazza centrale) di un pozzo monumentale risalente al XV secolo e largo oltre sei metri. Chiara d'Assisi, nata Chiara Scifi (Assisi, 16 luglio 1194 – Assisi, 11 agosto 1253), è stata una religiosa italiana, collaboratrice di Francesco d'Assisi e fondatrice dell'ordine delle Clarisse: fu canonizzata come santa Chiara nel 1255 da Alessandro IV nella cattedrale di Anagni.Il 17 febbraio 1958 fu dichiarata da Pio XII santa patrona della televisione e delle telecomunicazioni Il locale mette in mostra le proprie creazioni di pasticceria, cioccolateria e caramelle. CuriositàAssisi è una zona turistica ed ha un ricco calendario di eventi tutto l’anno. La sfilata si svolge ogni anno per le vie di Montefalco fino a radunare tutti i carri, trainati alcuni anche da animali o da trattori d'epoca, in Piazza dal Comune dove si mangia e si beve in allegria tra musica e danze. Idee e consigli utili su come scegliere il periodo migliore per visitare Montefalco. Passeggiando fra le vie del paese … In fondo, l’essenza vera del viaggio non è nella lontananza che si raggiunge, ma nell’attitudine con cui percorriamo la strada. nel 1926, redatto da Carlo Bandini, l'autore ci descrive un affresco che il Melanzio dipinse nel 1517 all'interno della chiesetta di Santa Maria del Popolo o di Piazza in Montefalco raffigurante una Madonna con Bambino in trono e angeli, definendo questa figura come..una sorridente e simpatica Madonnina dalla vivacità cromatica e rappresentativa, graziosa e persin birichina.

Canzone Quasi D'amore Accordi, Isole Greche Nel Mar Egeo, Il Significato Del Giorno Della Tua Nascita, Monsampolo Del Tronto, Calendario Con I Santi Luglio 2020, Pronto Soccorso Traumatologico, Zermatt Sciare Estate, Leon Iii Papa,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *