Bioccolo di lana: i v. dell’ariete; fiocco di pelo, anche umano: di vello in vello giù discese poscia Tra ’l folto pelo e le gelate croste (Dante), di Virgilio che scende appigliandosi ai peli dei fianchi di Lucifero. vello d’oro loc.s.m. Avvertenze per la consultazione del dizionario, Il Nuovo vocabolario di base della lingua italiana. vellus -ĕris]. Per ragioni storiche attualmente esistono due rami dell'ordine. Inserisci email e password per entrare nella tua area riservata. Il vello d'oro è sospeso ad un albero, simbolo di vita, e conservato da un drago, simbolo di forze telluriche. Regalati o regala Internazionale. Definizione e significato del termine vello Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo. b. Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito. L’Ordine del Toson d'oro è un ordine cavalleresco, fu istituito il 10 gennaio 1430 da Filippo III di Borgogna a Bruges per celebrare il proprio matrimonio con la principessa portoghese Isabella d'Aviz. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti. Nefele, la dea delle nubi, venne ripudiata dal suo sposo e re beota Atamante, il quale prese poi come moglie Ino. Il Vello d'oro è un oggetto presente nella mitologia greca che si dice avesse il potere di curare ogni ferita. Il vello d'oro è il simbolo dell' agnello, il colore dell'immortalità. vellus (-ĕris); forse incrociato con vĭllus «villo»]. b. Vello d’oro, nella mitologia greca, il vello aureo dell’ariete alato che Zeus mandò in aiuto di Frisso ed Elle, suoi figli; dopo il sacrificio dell’ariete in Colchide, il suo vello fu consacrato ad Ares; alla conquista del vello d’oro mossero gli Argonauti al comando di Giasone (di qui l’espressione la conquista del v. d’oro, anche per indicare, in senso fig., un’impresa ardimentosa e molto difficile, epica). Chioma, capelli: Con altra voce omai, con altro vello Ritornerò poeta (Dante), rientrerò in Firenze con i capelli ormai bianchi; Pettinando al suo vecchio i bianchi v. (Petrarca), di Aurora immaginata nell’atto di pettinare Titone. e organiche (sudore, orina, ecc.). (estens.) /'vɛl:o/ s. m. [dal lat. La ricerca degli Argonauti è anche la nostra, ma nel nostro cercare c'è un rischio: afferrare il tesoro nel suo significato perverso. L'eroe deve “uccidere il drago„ per poter afferrare il tesoro sublime. In usi scherz., l’insieme dei peli che ricoprono il petto maschile, quando siano molto folti e lunghi: guarda che vello ha quel tale: sembra uno scimmione. 2. letter. Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo. - 1. a. [rivestimento peloso di animali in genere: artigli Ch'a più alto leon trasser lo... Istituto della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani S.p.A. © Tutti i diritti riservati. 3. poet. Vello: Mantello di lana degli ovini. Si tramanda, infatti, che Nefele, la dea delle nubi, fu ripudiata dal marito Atamante, re beota, poiché costui s’innamorò di un’altra donna, Ino, e la sposò. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti. CO nella mitologia greca, quello dell’ariete alato mandato da Zeus in aiuto dei figli Elle e Frisso, alla cui conquista mossero Giasone e i suoi Argonauti | fig., conquistare il vello d’oro, compiere un’impresa difficile. c. Per estens., il pelo degli animali da pelliccia, e nella lingua letter. Con un unico abbonamento hai la rivista di carta e tutte le versioni digitali. Inserisci email e password per entrare nella tua area riservata. La storia del vello d’oro affonda le sue radici (come da regola) in una controversia tra divinità. Le origini del mito del vello d’oro. Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito. tosone. il pelame o la pelle ricoperta di pelo d’altro animale in genere: artigli Ch’a più alto leon trasser lo v. (Dante). Avvertenze per la consultazione del dizionario, Il Nuovo vocabolario di base della lingua italiana. – 1. a. Il mantello degli animali produttori di lana, che, in zootecnia, si distingue in aperto, semiaperto o chiuso, a seconda che i singoli fiocchi siano di forma conica, o più o meno prismatica: il v. della pecora, della capra, del montone; la lana stessa, tosata ma non cernita, ancora mescolata a impurità vegetali (lappole, foglie, ecc.) [mantello degli animali produttori di lana: il vello della pecora, del montone] ≈ pelliccia, (lett.) Scopri il significato di 'vello d oro' sul Nuovo De Mauro, il dizionario online della lingua italiana. Vello d’oro, nella mitologia greca, il vello aureo dell’ariete alato che Zeus mandò in aiuto di Frisso ed Elle, suoi figli; dopo il sacrificio dell’ariete in Colchide, il suo vello fu consacrato ad Ares; alla conquista del vello d’oro mossero gli Argonauti al comando di Giasone (di qui l’espressione la conquista del v. d’oro, anche per indicare, in senso fig., un’impresa ardimentosa e molto difficile, epica). Regalati o regala Internazionale. Si manifesta nel cielo limpido, circondato da sette stelle più piccole, il che significa di ampliare il coraggio, l’orizzonte e l'intuizione. vèllo s. m. [dal lat. Quest'utima non vedeva di buon occhio i figli che il marito aveva avuto dalla dea delle nubi, Frisso ed Elle, e perciò ne progettò l'assassinio per permettere a suo figlio di salire al trono. Con un unico abbonamento hai la rivista di carta e tutte le versioni digitali. La Bibbia dice che l'arca dell'alleanza e il tabernacolo sono stati ricoperti d'oro, e di oro è stata creata la luce.

Sagre Arezzo 2020, Telethon San Valentino, Descrizione Fisica Di Didone, Ragazza Di Lazza Instagram, Direzione Didattica Guspini, Prima Guerra Mondiale Vincitori, Conteggiare Le Calorie, Colori Ad Olio Lukas Studio Opinioni, Tre Galli Torino Menù, San Zeno Foundation,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *